sabato 22 luglio 2017

Progetto Mensano e progetto Castelnuovo

Cari tutti,
tra pochi giorni ci incontreremo di persona per l’assemblea dei promotori. Sarà un piacere rivedervi.
Intanto volevamo aggiornarvi sulla situazione che stiamo affrontando.
Il nostro scopo, fin dalla fondazione del Comitato, è stato quello di opporci a coloro che vogliono approfittare di noi e del nostro territorio. I progetti per le centrali sotto il paese sembravano cosa fatta, con le trivelle già pronte ad entrare in azione. La situazione ci era stata presentata come già definita, pianificata ed approvata nei dettagli, senza possibilità di replica. Siamo stati semplicemente informati a cose fatte di questi progetti che avrebbero avuto un impatto deflagrante sulle nostre vite. Siamo qui, dopo quasi 3 anni di lavoro, a vedere che invece un “sì” definitivo non è ancora stato pronunciato e che i progetti sono ancora soltanto di carta. Siamo diventati più uniti, vigili e determinati; abbiamo approfondito argomenti che non conoscevamo e abbiamo reso più difficile calpestarci. Sappiamo bene che questa reazione da parte della popolazione non era prevista. Si dava semplicemente per scontato che ci saremmo adeguati alla situazione senza fare troppo rumore. Volevano addirittura convincerci che uccidendoci ci stavano facendo del bene. Forse non è più il tempo in cui siamo disposti a credere a chiunque senza riflettere.
Le due situazioni che scottano sono: il progetto Mensano (concessione della Regione Toscana) per pozzi presso il Podere Qualtra, e il progetto Castelnuovo per la realizzazione di una centrale sotto il paese di Montecastelli (concessione Ministeriale).

Progetto su Concessione Regionale (Mensano)

Dopo molti mesi di attesa, è stato emesso un parere positivo sulla procedura di VIA (valutazione di impatto ambientale). Era una mossa che ci aspettavamo e di cui avevamo discusso ampiamente. Al momento dell’effettiva pubblicazione di questo documento, l’Amministrazione Comunale ha deciso, con il nostro pieno accordo e supporto, di predisporre un ricorso al TAR, opponendosi a questa decisione che, in sostanza, da via libera alla realizzazione del progetto. La pratica è stata affidata all’Avvocato Michele Greco. La vicenda sta andando avanti nei tempi e nelle modalità consueti per questi casi. Nel frattempo, mentre il procedimento legale è in corso, l’iter amministrativo del progetto continuerà e ci vedrà costantemente impegnati nella stretta vigilanza di tutte le fasi. Come sempre cercheremo di esercitare pressione in tutti i modi che conosciamo per far sentire la nostra voce e rappresentare le nostre richieste di tutela.

Progetto Ministeriale (Centrale Pilota Castelnuovo)

 A seguito delle osservazioni compilate per nostro conto dall’Avvocato Greco, con il supporto tecnico dell’Architetto Ferrara, del Dott. Pallsson e della Dott.ssa Dovera, la ditta proponente ha dovuto inviare al Ministero una documentazione integrativa. A questa nuova documentazione possiamo fare delle osservazioni. Le osservazioni alle integrazioni, così come è stato fatto per le osservazioni al progetto, devono essere predisposte e inviate da un legale. Ci siamo nuovamente rivolti all’avvocato Greco, che già aveva lavorato su questa vicenda per noi. Inoltre abbiamo contattato i tecnici che avevano compilato le perizie riguardanti il progetto iniziale. E’ venuto fuori un preventivo di spesa complessivo di E 10.000,00, da raccogliere fra tutti noi. La scadenza per la presentazione di questa documentazione è il prossimo 28 Luglio, tra pochissimi giorni. In questa circostanza, nei giorni scorsi, per riuscire a dare avvio alle pratiche in tempo utile, il Consiglio si è dovuto impegnare con i professionisti ed è stato necessario mettere a disposizione velocissimamente la somma di E 5.000,00. Questo ammontare, pari alla metà di tutta la spesa, è stato anticipato dai consiglieri che si sono autotassati ed hanno messo a disposizione non solo il tempo, le energie e la fatica, ma anche il loro denaro. Questo è stato uno sforzo molto gravoso, ma compiuto con la convinzione che, a questo punto, dobbiamo giocare le nostre carte fino in fondo. Di fronte alla possibilità che il nostro paese sia sfigurato, siamo stati  e siamo disposti ad impegnarci con grande determinazione. Chiediamo quindi a ciascuno di voi un contributo per il sostegno di questa spesa.
Oltre al sostegno monetario, siamo a chiedervi anche di rinnovarci quello morale. Siamo affaticati, indaffarati nei nostri rispettivi lavori ed abbiamo bisogno, oltre che del denaro, di sentire ancora più forte la vostra vicinanza e il vostro calore (nonostante il meteo…). Gli impegni e le attività quotidianamente portate avanti da questo Consiglio sono state e sono tantissime. Ogni singolo consigliere dedica tempo ed energie che non avrebbe a seguire le mille sfaccettature di questa vicenda assurda e crudele. Siamo tutti profondamente indignati per l’ingiustizia e l’enormità di questa storia, nella quale siamo stati trascinati nostro malgrado.

Detto ciò dobbiamo dire che tutta questa vicenda non ha fatto solo del male. Si è infatti formato un gruppo di lavoro coeso ed efficace, in cui anche i rapporti personali si sono approfonditi e valorizzati. Ci siamo sentiti uniti da una causa comune, e questo è qualcosa di molto bello e positivo. La nostra determinazione rimane ferrea, non ci arrendiamo e non ci dividiamo.

Come presidente di questa assemblea mi sento di  ringraziare profondamente la squadra del Consiglio per l’impegno profuso e ciascuno di voi per le donazioni che arriveranno e per essere presenti.


Comitato Montecastelli Viva Onlus